Home \ Pratiche Auto \ Neopatentati \ Neopatentati : limiti per velocità, cavalli, cilindrata e quali auto si possono guidare

Neopatentati : limiti per velocità, cavalli, cilindrata e quali auto si possono guidare

NeopatentatiPratiche Auto
Pubblicato il 11 March 2022
Condividi
Tutte le limitazioni per i neoptanteti, dai limiti di velocià alla cilindrata massima

Quanti a diciotto anni non hanno atteso con trepidazione il tanto desiderato momento di poter prendere la patente? Sinonimo di libertà e indipendenza, la patente è forse uno degli strumenti più importanti nella vita di una persona. Prima di salire a bordo e partire per la meta prefissata è bene però avere presente cosa dispone il Codice della Strada in materia di regole per neopatentati. Prima di tutto, quindi, cerchiamo di fare chiarezza e capire cosa si intende per neopatentato.

Neopatentato è il soggetto che ha conseguito la patente A2, A, B o B1 da meno di tre anni. Evidenziato questo punto, è giunto ora il momento di capire quali sono quindi i limiti per i neopatentati.

 INDICE
 Le limitazioni per i neopatentati
 Limiti di velocità neopatentati
 Limiti cavalli neopatentati
 Cilindrata per neopatentati
 Punti patente neopatentati
 Limiti alcol neopatentati
 Quali auto può guidare un neopatentato?

Con la legislazione in vigore, gli automobilisti che hanno conseguito la patente da meno di 3 anni sono soggetti a regole aggiuntive rispetto agli altri conducenti. Le categorie di limitazioni includono la tipologia di vetture che si possono guidare, principalmente a seconda della loro potenza riferita alla tara, la velocità sui diversi tipi di strada e il tasso alcolemico alla guida.

Occorre poi ricordare che i neopatentati che infrangono il CdS rischiano la decurtazione del doppio dei punti rispetto agli altri conducenti.

L’articolo 117 comma 2 del Codice della strada definisce quali sono i limiti di velocità che non possono essere superati dai neopatentati.

Per i primi tre anni dal conseguimento della patente di categoria A2, A, B1 e B è vietato:

  • il superamento della velocità di 100 km/h sulle autostrade
  • il superamento della velocità di 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

I neopatentati che dovessero superare questi limiti sono soggetti ad una sanzione pecuniaria il cui importo varia da 161 a 647 euro, oltre alla sanzione amministrativa accessoria della sospensione della validità della patente di guida da due a otto mesi.

Ma questo non è tutto perché alla multa appena descritta vanno aggiunte anche le sanzioni generali previste per il superamento dei limiti di velocità, definite nell’articolo 142 comma 7-9bis.

Eccesso di velocità Sanzione
meno di 10km/h da 42 a 168 euro
tra 10km/h e 40 km/h da 168 a 674 euro
più di 40km/h da 527 a 2.108 euro più la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi
più di 60km/h  da 821 a 3.287 euro più la sospensione della patente di guida da 6 a 12 mesi

Oltre ai limiti di velocità che i neopatentati devono rigorosamente rispettare nei primi tre anni dal conseguimento della patente, se non vogliono incorrere nelle sanzioni sopra citate, si aggiungono anche quelli relativi alla potenza delle vetture che possono essere guidate.

Ai titolari di patente di guida di categoria B, infatti, per il primo anno dal rilascio non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1, si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW.

Da novembre 2021, però, le limitazioni che riguardano la potenza delle auto non si applicano se il conducente neopatentato è affiancato da una persona nel ruolo di istruttore. Quest’ultima deve essere di età non superiore ai 65 anni, munita di patente valida per la categoria della vettura o superiore, e conseguita da almeno dieci anni. In caso d’infrazione della regola si è soggetti, secondo il comma 5 dell’articolo 117, al pagamento di una somma da 161 a 647 euro più la sospensione della patente da due ad otto mesi.

Questi limiti per neopatentati  non si applicano se l’auto è adibita al trasporto di persone invalide. Al fine di non incorrere in sanzioni, sarà fondamentale che sul veicolo sia esposto il contrassegno di circolazione specifico e che la persona invalida sia presente in auto.

Per sapere se l’auto che si vuole guidare rispetta le indicazioni previste dal Codice della Strada, e comprendere quali sono le macchine che possono guidare i neopatentati, sarà sufficiente leggere quanto riportato sulla carta di circolazione del veicolo. Per i veicoli già immatricolati si può invece usare il sito gratuito del Portale dell’Automobilista, inserendo direttamente la targa. I limiti relativi alla potenza e alla velocità da tenere in autostrada o nelle strade extraurbane principali decorrono dalla data di superamento dell’esame di guida e durano rispettivamente per 1 anno e 3 anni.

Neopatentati: tutte le regole su limiti, multe e punti patente 1

Il limite di potenza  della vettura per i neopatentati previsto dal Codice della Strada consentirà ai soggetti in possesso della licenza di guida da meno di un anno di condurre su strada vetture con potenza massima di 75 CV.

In questo caso le limitazioni patente B valgono soltanto per il primo anno dal superamento dell’esame a differenza dei limiti di velocità specifici che devono essere rispettati per i primi tre anni.

Attenzione: consigliamo di verificare con la propria assicurazione i vincoli assicurativi per i guidatori neopatentati.

Per ogni sanzione notificata che prevede la decurtazione di punti dalla patente, i neopatentati vengono sanzionati con la sottrazione del doppio dei punti secondo l’articolo 126 bis del Codice della Strada. Una punizione severa che però è limitata ad un massimo di 15 punti decurtati alla volta anche se la somma delle infrazioni commesse superasse questo valore.

D’altro canto, è bene ricordare che se un neopatentato non commette alcuna infrazione del CdS, dopo il primo anno riceverà un punto in più, fino a un massimo di tre punti bonus nei tre anni da neopatentato.

Il nostro Codice della Strada è inoltre decisamente, e giustamente, severo per quel che riguarda il tasso alcolemico.

Se per coloro che hanno conseguito la patente da più di tre anni è consentito mettersi alla guida purché non si superi il tasso alcolemico di 0,5 grammi/litro, ben più stringenti sono i limiti di guida per neopatentati.

La tolleranza, infatti, è pari a zero per i soggetti minori di 21 anni e per chi ha conseguito la patente da meno di tre anni. La guida ai neopatentati sarà quindi totalmente vietata nel caso in cui questi abbiano assunto anche una modesta quantità di alcol prima di mettersi al volante.

 

Esistono delle severe sanzioni nel caso in cui si dovesse guidare con un tasso di alcool superiore a zero. Le sanzioni cambiano in base alla concentrazione di alcol etilico nel sangue:

  • Da 0 a 0,5 g/l: sanzione pecuniaria di 624 euro più la decurtazione di 5×2=10 punti dalla patente
  • Da 0,5 a 0,8 g/l: sanzione pecuniaria di 702,67 euro più la decurtazione di 10×2=20 punti dalla patente oltre alla sospensione da 4 a 8 mesi
  • Da 0,8 a 1,5 g/l: sanzione pecuniaria da 1.066,67 a 4.800 euro, sottrazione di 20 punti dalla patente, sospensione della patente da 8 a 18 mesi e fino a 9 mesi di carcere
  • Superiore a 1,5 g/l: sanzione pecuniaria da 2.000 a 9.000 euro, sottrazione di 20 punti dalla patente, sospensione patente da 16 a 36 mesi, da 8 a 18 mesi di carcere e la confisca del veicolo.

auto neopatentati

Come abbiamo visto, è la potenza dell’auto riferita alla tara a determinare quali modelli siano adatti o meno ai neopatentati. Prima di offrire una lista aggiornata al 2022 dei modelli che rispettano il limite dei 55 kW/t, è interessante considerare un paradosso recentemente posto dall’innovazione rappresentata delle auto elettriche.

A causa di un regolamento UE, infatti, sul libretto di circolazione dei veicoli a batteria non troviamo la misura della potenza di picco, ma quella ‘massima sui 30 minuti’. Ed è proprio quest’ultima a contare ai fini della legge per i neopatentati, nonostante le prove al banco ne dimostrino decisamente l’inferiorità rispetto al primo. Di conseguenza, i guidatori freschi di patente potranno condurre una potente Audi Q4 e-tron, la cui potenza di picco raggiunge 170 CV/125 kW. Il suo valore di omologazione è infatti 95 CV/70 kW.

Si consiglia in ogni caso di chiedere al rivenditore, prima dell’acquisto di un’auto, la conferma che questa rispetti i requisiti verificabili sulla carta di circolazione/DU.

Di seguito possiamo ora riportare la lista aggiornata al 2022 delle auto adatte ai neopatentati. L’elenco è diviso per marchio, modello e prezzi di partenza.

– Audi

  • Q4 e-tron: da 45.700 euro
  • Q4 e-tron Sportback: da 47.750 euro.

– Citroen

  • C1: da 10.750 euro
  • C3: da 17.750 euro
  • e-Berlingo: da 34.100 euro
  • e-C4: da 35.400 euro
  • e-SpaceTourer: da 50.150 euro.

– Cupra

  • Born: da 38.900 euro.

– Dacia

  • Duster: da 13.350 euro
  • Lodgy: da 14.450 euro
  • Sandero: da 9.050 euro
  • Spring: da 20.100 euro.

– DS

  • DS3 Crossback: da 26.800 euro.

– EVO

  • Electric: da 32.340 euro.

– Fiat

  • 500: da 16.250 euro
  • 500 C: da 18.750 euro
  • 500 L: da 20.800 euro
  • 500 X: da 22.100 euro
  • 500 elettrica: da 26.550 euro
  • Panda: da 14.300 euro
  • Panda Cross: da 17.500 euro
  • Tipo 4P: da 17.500 euro
  • Tipo 5P: da 19.000 euro
  • Tipo Station: da 20.500 euro.

– Ford

  • EcoSport: da 20.500 euro
  • Fiesta: da 17.050 euro.

– Hyundai

  • i10:  da 12.700 euro
  • Ioniq: da 30.100 euro
  • Ioniq 5: da 44.750 euro
  • Kona: da 22.250 euro.

– Kia

  • e-Soul: da 39.850 euro
  • Picanto: da 16.350 euro
  • Rio: da 22.100 euro
  • Stonic: da 16.750 euro.

– Lancia

  • Ypsilon: da 14.800 euro.

– Mahindra

  • KUV100: da 12.930 euro.

– Mazda

  • Mazda2: da 18.300 euro.

– Mercedes

  • Citan: da 23.315 euro.

– MG

  • Marvel R: da 40.990 euro
  • ZS EV: da 34.350 euro.

– Mini

  • Mini 3p: da 21.850 euro
  • Mini 5p: da 22.650 euro.

– Mitsubishi

  • Space Star: da 12.860 euro.

– Opel

  • Corsa: da 16.800 euro
  • Corsa-e: da 33.100 euro
  • Crossland: da 22.100 euro
  • Mokka-e: da 36.050 euro
  • Zafira e-Life: da 50.410 euro.

– Peugeot

  • 108: da 13.900 euro
  • 208: da 16.350 euro
  • 2008: da 22.700 euro
  • e-Rifter: da 36.150 euro
  • e-Traveler: da 50.150 euro.

– Renault

  • Arkana: da 30.450 euro
  • Captur: da 21.400 euro
  • Clio: da 16.400 euro
  • Kangoo: da 25.000 euro
  • Mégane Station: da 27.700 euro
  • Twingo: da 12.950 euro
  • Twingo Electric: da 22.200 euro
  • Zoe: da 25.900 euro.

– Seat

  • Arona: da 19.500 euro
  • Ibiza:da 16.700 euro
  • Leon: da 23.100 euro
  • Leon Station: da 23.850 euro.

– Skoda

  • Enyaq iV: da 38.000 euro
  • Fabia: da 15.350 euro
  • Kamiq: da 22.900 euro
  • Scala: da 21.850 euro.

– Smart

  • forfour EQ: da 25.832 euro
  • fortwo EQ: da 25.100 euro
  • fortwo EQ cabrio: da 28.577 euro.

– Toyota

  • Aygo: da 13.600 euro
  • Yaris: da 18.300 euro
  • Yaris Cross:  da 25.900 euro.

– Volkswagen

  • e-up!: da 25.850 euro
  • ID.3: da 34.850 euro
  • ID.4: da 43.800 euro
  • Polo: da 18.250 euro
  • up!: da 15.200 euro.

Cose da sapere

Fino a quando si è neopatentati?

Il Codice della Strada definisce come neopatentato il soggetto che ha conseguito la patente A2, A, B o B1 da meno di tre anni.

Quali automobili possono guidare i neopatentati?

Per il primo anno dal conseguimento della patente B non è consentita la guida di veicoli con una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Tale limite è elevato a 70kW per i veicoli di categoria M1, e non si applica in caso di trasporto di persone invalide.

Quali sono i limiti di velocità per i neopatentati?

Per i primi tre anni dal conseguimento della patente di categoria A2, A, B1 e B non è consentito il superamento della velocità di 100 km/h sulle autostrade e di 90 km/h sulle strade extraurbane principali, mentre sulle strade urbane e extraurbane secondarie valgono i limiti standard.

Qual è il tasso alcolemico consentito ai neopatentati?

Per i minori di 21 anni e per coloro che hanno conseguito la patente da meno di tre anni il tasso alcolemico consentito per la guida è pari a zero.

Pubblicato il 11 March 2022
Condividi