Home \ Pratiche Auto \ Burocrazia \ Come funziona il calcolo del bollo auto nel 2020?

Come funziona il calcolo del bollo auto nel 2020?

BurocraziaPratiche Auto
Pubblicato il 9 April 2020
Condividi
Tutti le indicazioni per un corretto calcolo del bollo auto.

L’acquisto di un’auto comporta per il proprietario non solo piacevoli momenti da trascorrere al volante della propria vettura, ma anche una serie di incombenze amministrative e burocratiche, tra cui il bollo auto. In questa guida forniremo tutti i dettagli per indirizzarti ad un corretto calcolo bollo auto e un veloce aggiornamento sulle ultime novità bollo auto 2020.

È necessario specificare che il pagamento del bollo auto è sempre dovuto dai proprietari, dagli usufruttuari o da chi utilizza l’auto in leasing, anche se l’auto non viene fisicamente utilizzata e lasciata in garage. Non devono invece sostenere il costo del bollo auto coloro che, per esempio, perdono la proprietà dell’auto o rientrano in uno dei casi di esenzione bollo auto, come riportato in seguito.

LEGGI ORA: Spostamenti in auto durante la FASE 2, tutto quello che c’è da sapere

INDICE
Coronavirus: sospensione bollo auto
Calcolo bollo auto 2020
Calcolo bollo auto senza targa
Calcolo bollo auto kW
Calcolo con targa
Calcolo sul sito ACI
Bollo auto: pagamento

L’emergenza Coronavirus impone a Stato e Regioni di adottare misure straordinarie per il pagamento dei tributi. Il decreto Cura Italia ha stabilito numerose proroghe, ma non in tema di tributi relativi ai veicoli, sui quali devono decidere le Regioni.

Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Campania hanno già posticipato al 30 giugno il pagamento del bollo auto, senza sanzioni e interessi. La Sicilia sta per prendere la stessa decisione, mentre le altre Regioni stanno attualmente valutando il da farsi.

LEGGI ORA:

Con la nuova Legge di bilancio 2019 sono previste importanti agevolazioni sul bollo auto 2020.

I possessori di auto e moto di interesse storico e collezionistico tra i 20 e i 29 anni di età (a partire dalla data della prima immatricolazione) pagheranno il bollo con uno sconto del 50%.

Chi acquisterà un’auto ibrida o auto elettrica, invece, beneficerà dell’esenzione totale del bollo. Lo scopo è incentivare, come attraverso l’ecobonus, l’acquisto di auto non inquinanti: chi acquisterà un’auto ibrida non pagherà il bollo per 3 o 5 anni a seconda della regione.

Inoltre, gli automobilisti che risiedono in Lombardia e decidono di pagare il bollo con domiciliazione bancaria, otterranno uno sconto del 15% sull’importo totale della tassa, pari a circa due mensilità.

Se si vuole conoscere in anticipo l’importo da pagare per il bollo auto di una macchina di cui non si ha la targa (magari perché l’auto è nuova e non ne si è ancora entrati in possesso) è necessario almeno conoscerne la potenza espessa in kW. Si può così procedere a calcolare il bollo auto sulla base dei cavalli di potenza dell’auto, come spiegato qui sotto.

Per capire come si calcola il bollo autobisogna partire dai kW della tua vettura.  I Kilowatt sono indicati nel libretto di circolazione del mezzo, ma qualora tale dato fosse assente è possibile fare il calcolo del bollo auto con i CV: basta dividere per 1,35962 i cavalli del mezzo.  Un altro elemento fondamentale per capire come si calcola il bollo auto è la classe ambientale del veicolo, cioè se la tua vettura rientra nella classe Euro 0, 1, 2, 3, 4, 5 o 6.

Una volta in possesso di questi dati, il calcolo del bollo auto sarà semplice,tenendo presente che l’importo del bollo diminuirà con l’aumentare della categoria ambientale:

  • Per una vettura di categoria Euro 0 si pagherà un importo di 3 euro a Kilowatt sino ad un massimo di 100 kW, mentre per auto superiori a 100 Kilowatt si dovrà corrispondere una cifra pari ad € 4,50 per ogni kW.
  • Un veicolo Euro 1 pagherà da un minimo di € 2,90 fino a 100 kW sino ad un massimo di € 4,35 oltre tale soglia
  • Un’auto Euro 2 oscillerà da € 2,80 a € 4,20
  • Una vettura Euro 3 andrà da un minimo di € 2,70 al kW sino ad un massimo di € 4,05
  • Per i veicoli Euro 4, 5 e 6, il calcolo del bollo auto per kW oscillerà da € 2,58 a € 3,87.

Se la matematica non è il tuo forte o non hai molto tempo da perdere, puoi sempre calcolare del bollo auto con la targa del tuo mezzo, un’operazione facile e veloce da eseguire tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate. Vai su www.agenziaentrate.gov.it, al percorso schede > pagamenti > bollo auto. Giunto in questa pagina, sempre nella colonna di sinistra, dovrai cliccare sul link “calcolo del bollo auto in base alla targa” ed infine su “accedi al servizio”.

In questa pagina troverai delle tabelle per il calcolo del bollo auto, dove dovrai inserire la tipologia di veicolo, digitare il numero di targa della tua auto ed inserire il codice di sicurezza suggerito per conoscere il costo del bollo auto e le eventuali sanzioni ed interessi applicati in caso di morosità pregressa.

Puoi calcolare il bollo auto anche sul sito ACI, un’alternativa valida quanto il sito dell’Agenzia delle Entrate. Sul sito dell’ACI puoi indicare non solo la tipologia di veicolo, ma anche il tipo di pagamento – cioè rinnovo, prima immatricolazione, pagamento integrativo e così via – nonché la tua regione di residenza. Se quindi ti sei spesso posto la domanda “quanto costa il bollo auto?”, adesso grazie a questa guida potrai effettuare tutte le operazioni in modo semplice e veloce, senza impazzire!

Per il pagamento dell’imposta sugli autoveicoli vi sono diverse possibilità. Nello specifico, il pagamento del bollo può essere effettuato:

  • recandosi presso una sede ACI
  • alla posta
  • in un’agenzia di pratiche auto
  • alle ricevitorie e tabaccherie abilitate
  • presso gli istituti bancari preposti, dove sarà possibile pagare l’imposta anche tramite ATM.

Il bollo auto in scadenza può essere pagato anche comodamente da casa, sfruttando i servizi di internet banking o, anche questa volta, attraverso il sito dell’ACI.

Quando bisogna pagare il bollo auto?  La tassa di possesso sull’auto può essere pagata in prossimità del suo termine di validità, oltre il quale si avrà comunque ancora un mese di tempo per assolvere al tutto evitando di incappare in sanzioni. Facendo un esempio, per chiarire ogni dubbio sulla scadenza del bollo auto e quando pagare, nel caso la validità terminasse nel mese di gennaio, si avrebbe ancora a disposizione tutto il mese di febbraio per provvedere al pagamento della tassa senza importi aggiuntivi derivanti dalle sanzioni.

Per aiutarti ad avere un’idea più chiara sui costi di gestione di un’auto, abbiamo realizzato una video infografica in cui sono illustrate classifiche e differenze di spesa tra le varie regioni, sia in termini assoluti sia con riferimento alle singole voci di costo di cui abbiamo parlato nell’articolo:

Cose da sapere

Quanto costa il bollo auto?

L’importo del bollo diminuisce con l’aumentare della categoria ambientale e varia da regione a regione.

Quanto costa il bollo auto a kW?

Dipende dalla categoria ambientale del veicolo. Per esempio, per una vettura di categoria Euro 0 si pagherà un importo di € 3 a Kilowatt sino ad un massimo di 100 kW, mentre per auto superiori a 100 Kilowatt si dovrà corrispondere una cifra pari ad € 4,50 per ogni kW.

Come si calcola il bollo auto?

Per capire come si calcola il bollo auto bisogna partire dai kW della tua vettura. I Kilowatt sono indicati nel libretto di circolazione del mezzo.

Pubblicato il 9 April 2020
Condividi