Home \ Pratiche Auto \ Burocrazia \ Come risparmiare sul bollo auto: esenzioni e agevolazioni

Come risparmiare sul bollo auto: esenzioni e agevolazioni

Pratiche AutoBurocrazia
Pubblicato il 27 March 2020
Condividi
Risparmiare sul bollo? Spesso è possibile. Sono previste numerose esenzioni e agevolazioni per diverse categorie di automobilisti.

Il bollo auto è un tributo regionale che prevede esenzioni per veicoli ecologici, per quelli storici e per i portatori di handicap. La scadenza per il pagamento del bollo è fissata sempre per il mese successivo a quello dell’immatricolazione della vettura, tranne che per gli automobilisti residenti in Lombardia e Piemonte.

INDICE
Risparmiare sul bollo auto
Bollo auto ecologiche
Bollo auto storiche
Agevolazioni portatori di handicap

Come automobilisti rispettiamo con attenzione le scadenze di questa tassa di possesso evitando le sanzioni, ma quante volte vi siete chiesti come risparmiare sul bollo dell’auto? Le agevolazioni e le esenzioni sono previste dalla normativa se sono presenti determinati requisiti.

La prima cosa da ricordare è che il bollo auto viene calcolato in base alla potenza del motore e all’inquinamento che produce. Il primo parametro penalizza gli automobilisti che hanno vetture con potenza superiore ai 185 kW: per chi ha un’auto di questo tipo è necessario, infatti, pagare il superbollo.

Il secondo parametro riguarda la classe ambientale e prevede un importo che cambia con il variare di questa. Di conseguenza una vettura altamente inquinante come una Euro 0 pagherà di più di un’auto recente, mentre il bollo delle auto ecologiche avrà un costo inferiore. Il consiglio, quindi, riguarda la scelta al momento dell’acquisto: comprando una vettura con una potenza inferiore al limite indicato e di classe Euro 4, Euro 5 o Euro 6 si può sicuramente risparmiare. Da qualche anno, l’Agenzia delle Entrate permette di calcolare online il bollo in base alla targa del veicolo

Rinunciare all’auto dei sogni limitando la scelta a vetture con potenze inferiori ai 185 kW ed acquistare un’auto con filtro antiparticolato (per i diesel) o con bassi livelli di emissione per i veicoli a benzina sono gli unici modi per risparmiare sul bollo? Rassicuratevi: ci sono anche altre soluzioni che consentono di pagare meno il bollo auto. Le auto elettriche con alimentazione ibrida e quelle alimentate con GPL e con gas metano sono esentate dal pagamento o, in alternativa, pagano un bollo inferiore. Il risparmio sul bollo con l’auto GPL e con altre ecologiche è assicurato.

Inoltre, ci sono alcune Regioni dove il bollo auto costa meno, perché si tratta infatti di una tassa regionale che vede alcune realtà territoriali adottare il regime delle esenzioni (3 o 5 anni), mentre altre applicano un’esenzione parziale. Sarà quindi necessario consultare il sito della propria Regione per sapere se bisogna pagare il bollo o meno: nel caso si possa usufruire dell’esenzione si può pensare di convertire la propria auto diesel o a benzina in una vettura con impianto a gas o GPL.

Nel 2019 è stata introdotta un’importante novità che permette ai proprietari di auto storiche di risparmiare sul costo del bollo auto.

I fortunati proprietari di un’auto storica sapranno certamente che per le vetture con più di 30 anni a partire dall’anno di prima immatricolazione), infatti, il bollo è stato soppresso. Sono esenti invece, per il 50% tutte le vetture storiche con età compresa tra i 20 e i 29 anni, dotate di Certificazione di rilevanza storica. Anche questa, però, è una misura le cui modalità di applicazione variano a seconda delle Regioni e, quindi, una verifica presso l’ACI è sempre necessaria. Alcune Regioni fanno pagare il normale bollo di circolazione alle auto tra i venti e i ventinove anni di anzianità, altre prevedono una tassazione ridotta.

Sono esenti dal pagamento del bollo auto, infine, tutti i disabili che possono avvalersi della Legge 104. L’esenzione bollo auto Legge 104 ricalca i requisiti già previsti per l’IVA in caso di acquisto, ed è perciò applicabile alle vetture a benzina fino a 2.0 litri di cilindrata ed alle vetture diesel sino a 2.8 00 centimetri cubici.

L’esenzione spetta all’interessato o, in alternativa, al congiunto, intestatario dell’auto, quando si tratta di un famigliare che ha a carico il disabile.

Per capire se si può o meno usufruire dell’esenzione bollo auto Legge 104 bisognerà leggere il verbale di disabilità e verificare la dicitura “l’interessato possiede i requisiti tra quelli dell’art. 4 DL.

Pubblicato il 27 March 2020
Condividi